Alimentazione e Nutrizione, Dieta Mediterranea

Non rinunciamo alla pasta

schermata-2016-09-12-alle-19-02-37

Non rinunciamo alla pasta

La pasta, la regina della dieta mediterranea, è uno degli alimenti che simboleggia al meglio il nostro paese e di cui non ne possiamo fare a meno. Rappresenta il punto cardine della regime alimentare mediterraneo ed eliminarla dalla nostra routine a tavola è da considerarsi sbagliato.
Infatti, la convinzione comune che “la pasta faccia ingrassare” è da ritenersi ormai errata, in quanto con una consumazione moderata e regolare facilita invece la diminuzione di indice di massa corporea. In sostanza, aiuta a dimagrire. È stato dimostrato, durante una ricerca condotta dal Dipartimento di Epidemiologia dell’Irccs Neuromed di Pozzilli (Isernia) e pubblicata sulla rivista Nutrition & Diabetes, che aiuta a restare in forma, riducendo la possibilità di sovrappeso e obesità.

La ricerca dimostra che la pasta aiuta a restare in forma

I ricercatori italiani hanno esaminato oltre circa 23000 persone, attraverso due grandi studi epidemiologici, Moli-sani e Inhes (Italian Nutrition & Health Survey), valutando il rapporto fra:
1) consumo di pasta
2) variazione di peso
3) prevalenza di sovrappeso e obesità nelle persone che seguivano la dieta mediterranea
Durante l’analisi, sono stati misurati le circonferenze addominali, pancia e fianchi e il rapporto vita-fianchi, ed è emerso che chi assumeva pasta in quantità equilibrata e regolarmente è tornato più in forma rispetto agli altri.

La pasta ha un valore altamente energetico ed è ricca di carboidrati

Il modello della dieta mediterranea, che si basa su prodotti stagionali e del territorio, inserisce la pasta come uno degli elementi fondamentali, grazie all’apporto energetico che dà al nostro fabbisogno quotidiano.

La pasta si consiglia di inserirla anche nelle diete con ridotto apporto calorico per bilanciare al meglio carboidrati, grassi e proteine.

«È necessario, però, associarla a un’attività sportiva costante che aiuti e faciliti il suo assorbimento. Per chi non è amante dello sport e segue un ritmo più sedentario, si consiglia di non superare i 60/70g di pasta per porzione e di non mangiarne per più di 3 volte alla settimana. In più, favorisce il rilascio della serotonina (l’ormone del buon umore) e ha un effetto decisamente saziante..
Ermanno Calcatelli
Presidente dell’Ordine Nazionale dei Biologi